Core_Oak

if i could i'd give you my world.


Any question ?  

03.12

Ansia da prestazione, ansia da live..
Non lo so, il succo é che con questo status mentale non riesco a vivere più..

Ogni volta sento i muscoli irrigidirsi come metallo, e pesi invisibili legati alle mie braccia..
Il fiato si fa sempre più affannato dopo poco, e non ho più forza.. Non ho più energie.

Non riesco più a fare uno show valido per colpa di questo problema, ho distrutto uno dei miei amori più grandi, e non so come recuperare..

Sto prendendo in considerazione l’idea si smettere di suonare.

12.03

Lascia che ti dica qualcosa che già sai.

Il mondo non è tutto rose e fiori, è un posto davvero ostile e difficile.

E non importa quanto tu sia forte, ti metterà in ginocchio e ti lascerà li se glielo permetti.

Ne tu, ne io, nessuno può colpire duro come la vita.

Ma non riguarda quanto forte tu possa colpire, riguarda quanto tu riesca ad incassare i colpi e andare avanti, quanto riesca a resistere ed andare avanti.

Così si vince.

00.04

Mi taglio la pelle, e mostro al mondo il mostro che ho dentro.

15.46

Le braccia nel cappo, le parole non trovano spazio.

Sensazioni che scorrono nelle mie vene.

11.08

Non mostrare mai il mare che hai dentro a chi non sa nuotare.

00.30

Combatti la paura con la paura stessa.. Ma che fare quando non c’è paura ma solo vuoto ?

01.48

Patetismo per soggetti dissonanti da un’immaginaria società di ideali mai nati, e mai morti.

14.27

Seduto davanti ad un cimitero di pensieri si blocca il fiato e si gonfia la gola.

Non c’è più, non c’è un perché ad ogni domanda, non c’è più alcuna risposta ad ogni perché.

Davanti solo costruzioni dissonanti col parallelismo di un pensiero perfezionista.. ma d’altronde siamo qua, nati per morire senza speranze ne promesse.. Siamo qua per cadere incatenati, senza rialzarci più.

11.18

Le manifestazioni dei miei incubi parlano da sole,

il mio Io interiore mi vuole morto.

22.09

Lo ricordo come ieri quel sentimento di disprezzo che riempiva il mio involucro vuoto,

quel peso nero che sussurrava alla mia coscienza quanto la morte fosse l’unica via,

quanto lo smettere di vivere potesse essere una via d’uscita.

L’idea fissa della morte è una cosa spaventosa ed affascinante, e il ricordarmi minuto dopo minuto quanto stia vivendo in un mondo sbagliato, in una bruttissima menzogna, mi toglie il respiro.. e vivo soffocando secondo dopo secondo.

Non ho più pensato al suicidio, ma sono solo due fili trasparenti quelli che muovono giorno dopo giorno la mia carcassa al prossimo capolinea.

La vita è dolore.

14.48

E quando ti troverai in mano 

quei fiori appassiti al sole 

di un aprile ormai lontano, 

li rimpiangerai…

01.31

Verrà di nuovo il tempo per raccogliere i fiori,

verranno altre lacrime sotto la pioggia,

e mi dirai: ’ Torna indietro amore. ‘

11.39

Piangere a primavera dopo sogni strazianti.

Non c’è più il gusto di camminare, non c’è più l’odore del mare.

Solo ansia e muscoli irrigiditi sotto tanto sudore, e due occhi chiari come il mare, 

che non sanno più parlare, mi ci hai fatto affogare.

01.40

Endless painfull lifeless ruotine.

23.38

Ho scritto fragile su una vecchia scatola di nostalgie da non ricordare.

Picchiano contro l’armadio, mi tagliano la gola durante il sonno.